The Floating Piers: i consigli di Christo e di Pronto Emergenza

“The Floating Piers” è una passerella galleggiante della lunghezza di oltre 4 km composta da elementi combinati tra loro come le tessere di un puzzle e fasciati da una copertura di tessuto giallo-arancio. La passatoia, larga 16 metri e alta circa 50 centimetri nella parte centrale, digrada ai lati fino a pelo d’acqua.
Tutti gli allestimenti più imponenti di Christo richiamano un pubblico internazionale e The floating piers non farà eccezione; la passerella gode di un valore aggiunto rispetto alle più comuni installazioni di land art: il ponte sul Sebino è un’opera da ammirare e immortalare, ma anche da vivere e condividere, potendo essere attraversata provando l’emozione di “camminare” sulle acque del lago.

copy+of+copy+of+1 PRENDETEVI LE FERIE – Solo una volta nella vita camminerete sulle acque per 16 giorni e non ci sarà mai più un altro ‘Floating Piers’ nel mondo dopo il 3 luglio.

NON PREOCCUPATEVI SE IL TELO È BAGNATO – Il telo color oro, cangiante, vuole rappresentare la spiaggia: la gente deve pensare di essere su una spiaggia in riva al mare, e camminarci sopra.

USATE LA CREMA SOLARE – Mettetevi la crema solare. Io ne so qualcosa, ho il naso scottato. Il telo riflette molto la luce solare.

DOVETE AVERE PAZIENZA – Dovete avere pazienza, se avete fretta non venite a visitarlo, anche l’attesa è parte dell’esperienza.

NON TEMETE LA PIOGGIA – Ha donato dei colori magnifici a tutta l’opera, mostrandone la sua vera essenza.

TOGLIETEVI LE SCARPE – Per apprezzare la fisicità dell’installazione, fatta di onde che fanno dondolare la passerella, di vento e di pioggia, di sole e di cieli stellati.

ASCOLTATE IL RACCONTO DELLA VITA – Questo progetto fisico non è un museo, ma un progetto reale, riguarda le cose vere, sole, pioggia, vento.

FATEVI COINVOLGERE DALLO SPAZIO – Proprio per questo, la land art e questo progetto in particolare, aperto e immerso nel contesto richiede “coinvolgimento con lo spazio”.

Il caldo e l’afa sono arrivati e le elevate temperature possono rappresentare un rischio per la nostra salute. Una forte umidità e una scarsa ventilazione contribuiscono a rendere le ondate di calore un vero e proprio pericolo. Ecco i nostri consigli per vincere il caldo, soprattutto se qualcuno di voi si trovasse nelle “code” di “The floating piers”.

  1. Indossate abiti di colore chiaro e non aderenti, di cotone, lino o fibre naturali. Evitate abiti scuri e di fibre sintetiche che con il caldo possono anche provocare fastidiose allergie.
  2. Bevete molta acqua (almeno un litro e mezzo al giorno) per idratare la pelle e l’organismo.
  3. Privilegiate il consumo di frutta e verdura in quanto contengono una grande percentuale di acqua.
  4. Consumate pasti leggeri: preferite la carne bianca e il pesce, limitate i carboidrati ed evitate i cibi ricchi di grassi.
  5. Limitate il consumo di caffè, alcolici e bevande gassate che hanno un effetto diuretico e aumentano i liquidi espulsi dall’organismo e non disponibili per il processo di raffreddamento.
  6. Evitate le bevande troppo calde o troppo fredde in quanto nel primo caso aumentano la temperatura corporea, nel secondo possono provocare crampi e congestioni.
  7. Riparare la testa con un cappello.

“Solo una volta nella vita camminerete sulle acque per 16 giorni e non ci sarà mai più un altro ‘Floating Piers’ nel mondo dopo il 3 luglio”. Parola di Christo.